“Fix the problem” con “Fix it for me”


Leggo questa mattina sul blog di Vincenzo Di Russo la disponibilità di un servizio decisamente utile per gli utenti finali (e non solo) che, magari, hanno un po’ paura ad aprire il Registro di Sistema di Windows e apportare modifiche navigando nelle infinite voci (o chiavi) presenti. Eppure la modifica del “Registro” è un’operazione utile (a volte indispensabile) per risolvere alcuni problemi tanto che, molto spesso, anche la Knowledge Base (KB) di Microsoft ne fa riferimento.

Prendiamo, a titolo d’esempio, questo articolo: Cancellare elementi passati dall’area di notifica, classificato come KB283084.

Come possiamo vedere, la maggior parte delle righe sono una sorta di Avvertimento per indicare che la modifica al Registro di Sistema è un’operazione potenzialmente pericolosa:

IMPORTANTE: in questo articolo sono contenute informazioni su come modificare il Registro di sistema […]

ATTENZIONE: l’errato utilizzo dell’Editor del Registro di sistema può causare seri problemi che potrebbero richiedere la reinstallazione del sistema operativo. […]

Eppure la soluzione passa proprio da lì. Quindi o ci si tiene il problema, o si prova ad avventurarsi con l’editor del Registro (regedit.exe). Fino ad oggi…

Nasce, infatti, il servizio Fix it for me e il suo relativo blog (che si trova qui [in lingua inglese]). Come si può leggere nel suo post di benvenuto il team si occupa di automatizzare alcune procedure: localizzato il problema basterà un clic per fixarlo (con l’augurio che tutto venga risolto).

Ritornando alla KB283084, se passiamo alla versione statunitense dell’articolo, tramite l’apposito pulsante per il cambio lingua:

troveremo il pulsante:

che effettuerà le modifiche al registro per noi.

Sottolineerei la nota “This wizard is temporarily in English only. However, the automatic fix also works for other language versions of Windows” (La procedura guidata è al momento disponibile solo in inglese. Comunque, il fix automatico funziona con versioni di Windows in altre lingue).

Sempre dal blog di “Fix it for me”, viene precisato che oltre agli articoli in KB, il team si occuperà anche di automatizzare le procedure di risoluzione offerte da WER (Windows Error Reporting) che, spesso, sono poco sfruttate o addirittura non gradite.

P.S. C’è comunque un precursore di tutto ciò: l’MVP Kelly Theriot con il suo Kelly’s Korner (in lingua inglese). Da vedere e, se necessario, utilizzare😉


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: